Perché in Italia i costi energetici sono ancora fuori controllo

Bollette luce e gas Plenitude a rate per le famiglie, i condomini e le piccole imprese

Nel mese di dicembre del 2022, in accordo con l’ultimissima comunicazione dell’ARERA per i clienti nel mercato tutelato, la bolletta del gas aumenta in Italia del 23,3%. A farlo presente ed a riportarlo con una nota è stata la Coldiretti.

Perché in Italia i costi energetici sono ancora fuori controllo

Nel sottolineare come l’aumento dei prezzi del gas in Italia continui a pesare sulle famiglie e sulle imprese. E come a conti fatti i costi energetici siano ancora fuori controllo. E ciò nonostante per il prezzi all’ingrosso del gas siamo lontani dai massimi dei mesi scorsi. E nonostante gli interventi contro il caro energia che sono stati messi in atto prima dal Governo guidato dall’ex presidente della BCE Mario Draghi, e poi dall’Esecutivo guidato dalla premier e leader di Fdi Giorgia Meloni.

Perché l’aumento della spesa energetica genera un doppio effetto negativo

Sulla spesa energetica la Coldiretti ricorda che l’effetto dell’aumento è doppiamente negativo. In quanto da un lato riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie. E dall’altro aumenta anche i costi delle imprese particolarmente rilevanti per l’agroalimentare con l’inverno. Tutta la filiera agricola, infatti, è interessata ed è appesantita dall’aumento del costo dell’energia. Dalla produzione alla distribuzione, passando per l’industria della trasformazione alimentare.

Produzione agricola e alimentare assorbono oltre il 11% dei consumi energetici industriali totali

Secondo l’analisi della Coldiretti, sulla base dei dati Enea, nel nostro Paese la produzione agricola e quella alimentare assorbono oltre il 11% dei consumi energetici industriali totali. Per circa 13,3 milioni di tonnellate di petrolio equivalenti (Mtep) all’anno.

Relevant news