Azioni Prima Industrie verso il delisting con OPA obbligatoria totalitaria

Leonardo e Engineering insieme per accelerare sulla transizione digitale

Per le azioni della Prima Industrie, società che è attualmente quotata in Borsa a Piazza Affari, si va verso il delisting dei titoli. E questo dopo che Femto Technologies S.p.A. nella giornata di ieri, mercoledì 17 agosto del 2022, ha reso noto d’aver sottoscritto dei contratti di compravendita al fine di acquisire, proprio per Prima Industrie, una partecipazione complessiva che è pari al 50,1% dei diritti di voto.

Femto Technologies acquisisce il 50,1% dei diritti di voto di Prima Industrie

Con Femto Technologies S.p.A. che, si legge in una nota che è stata pubblicata sul sito Internet primaindustrie.com, è una società il cui capitale sociale fa capo indirettamente ai fondi Alpha Private Equity e Peninsula. I quali in Femto Technologies S.p.A. detengono delle quote paritetiche.

Inoltre, in merito all’acquisizione della partecipazione, viene precisato che, indirettamente, alcuni venditori reinvestiranno nella società e, di conseguenza, resteranno azionisti di minoranza. Al closing dell’operazione, su Prima Industrie in Borsa sarà poi promossa, a 25 euro unitari per azione, un’OPA obbligatoria totalitaria sui titoli.

Contratti di compravendita stipulati separatamente con i seguenti azionisti

I contratti di compravendita delle quote, separatamente, sono stati sottoscritti da Femto Technologies S.p.A. con i seguenti azionisti: Erste International S.A., Gianfranco Carbonato, Franca Gagliardi, Domenico Peiretti, Davide Peiretti, dP-Cube S.r.l., Joseph Lee Sou Leung, J and Lem Limited e World Leader Limited.

Complessivamente, grazie ai contratti di compravendita, Femto Technologies S.p.A., a 25 euro unitari, acquisirà 5.167.861 azioni ordinarie di Prima Industrie per un corrispettivo complessivo che è pari all’incirca a 129.196.525 euro.

Relevant news