Bonus attività stagionali, tutto pronto per il contributo a fondo perduto alternativo

Finanziamenti MiSE pr il rilancio delle grandi imprese, pronti 400 milioni di euro

Per l’accesso al bonus attività stagionali, che è rappresentato dal contributo a fondo perduto alternativo, è tutto pronto. Ne dà notizia il Quotidiano telematico FiscoOggi.it dopo che per la misura, che è prevista dal Decreto Sostegni bis varato dal Governo Draghi, sono state fissate le modalità, le tempistiche ed anche le regole di accesso.

Domande online di contributo a fondo perduto alternativo a partire dal 5 luglio del 2021

Per i contribuenti Iva attività stagionali, che sono stati economicamente colpiti dalla pandemia, i termini per la presentazione della domanda per l’accesso al contributo a fondo perduto alternativo si apriranno lunedì prossimo, 5 luglio del 2021, e si chiuderanno il 2 settembre del 2021.

Con l’istanza da presentare rigorosamente in modalità elettronica, può chiedere il contributo alternativo chi svolge in Italia attività d’impresa, di lavoro autonomo e agraria con i ricavi conseguiti nel 2019 fino alla soglie dei 10 milioni di euro sempre in accordo con quanto è stato riportato dal Quotidiano telematico dell’Agenzia delle Entrate FiscoOggi.it.

Perché il CFP a favore delle attività stagionali è detto alternativo

Questo contributo a fondo perduto è detto alternativo in quanto si distingue da quelli ad erogazione automatica, e quindi senza presentazione di alcuna istanza, che sono stati introdotti sempre nel Decreto Sostegni bis. L’ammontare del contributo a fondo perduto ottenibile dipenderà non solo dalla fascia di ricavi, riferita all’anno 2019 come sopra accennato, ma anche dall’aver chiesto ed ottenuto o meno il contributo a fondo perduto con il precedente Decreto Sostegni che è stato allo stesso modo varato dal Governo italiano che è guidato dal presidente del Consiglio Mario Draghi.

Relevant news