Confronto tariffe Rc auto, Antitrust sospetta cartello tra i siti di comparazione

Confronto tariffe Rc auto, Antitrust sospetta cartello tra i siti di comparazione

Citando la sospetta intesa sulle polizze RCA, l’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato (AGCM) in data odierna, venerdì 21 maggio del 2021, ha reso noto d’aver avviato un’istruttoria a carico di imprese assicurative e di società che offrono servizi di comparazione di prezzo.

Antitrust sospetta cartello tra i siti Internet di comparazione dei prezzi RCA

In base ai rilievi dell’Autorità, ‘le aziende coinvolte si sarebbero scambiate regolarmente informazioni sensibili sulle condizioni economiche di vendita diretta attraverso la condivisione di report elaborati e distribuiti dalle società di comparazione di prezzo‘.

Secondo l’AGCM, inoltre, l’intesa restrittiva della concorrenza sarebbe stata posta in essere da quasi dieci anni, e precisamente ed almeno dal 2012. Un’intesa restrittiva della concorrenza che, sempre secondo l’Antitrust, si sarebbe verificata pure durante il periodo del primo lockdown che è stato imposto dal Governo italiano al fine di contrastare il diffondersi della pandemia di Covid-19.

Sul sito Internet dell’AGCM il provvedimento di avvio dell’istruttoria a carico delle società coinvolte

Grazie a questo presunto scambio informativo, a tutto svantaggio degli assicurati, le società coinvolte avrebbero praticato dei premi più elevati per le polizze RCA. E questo, in particolare, attraverso delle politiche di sconto attenuate proprio in forza alla conoscenza delle strategie commerciali delle società concorrenti. Il testo del provvedimento dell’Antitrust, che ha portato in data odierna all’avvio dell’istruttoria, è stato già pubblicato online sul sito Internet istituzionale agcm.it. Inoltre nella giornata di ieri, giovedì 20 maggio del 2021, i funzionari dell’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato hanno svolto ispezioni nelle sedi di alcune delle società coinvolte.

Relevant news