Dati mercato dell’auto in Europa, il 2021 è stato un anno nero per il settore

Andamento mercato auto 2022 in Italia, agosto si chiude sul rimbalzo

L’anno 2021 in Europa è stato pessimo per il mercato dell’auto. A farlo presente con una nota è stata l’UNRAE nel commentare i dati sulle immatricolazioni del mese di dicembre del 2021 che, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, hanno fatto registrare in Europa una caduta del 21,7%.

Mercato auto 2021 in Europa, perse oltre 4 milioni di immatricolazioni rispetto al 2019

Si tratta, in particolare, del sesto calo di fila che porta le immatricolazioni nell’anno in Europa a 11.774.885 veicoli nei 30 Paesi che sono oggetto di rilevazione. Il dato 2021 segna un -1,5% rispetto al 2020, ed una caduta verticale del 25,5% rispetto al 2019, ovverosia rispetto all’anno pre-pandemia. Questo significa che, ha altresì precisato l’UNRAE, la perdita per il mercato dell’auto in Europa è stata pari ad oltre 4 milioni di veicoli.

Crolla pure il mercato italiano delle quattro ruote, con cupe prospettive per il 2022

Considerando il mercato dell’auto in Italia, il mese di dicembre del 2021 è stato chiuso con un crollo delle immatricolazioni del 27,5%. Mentre il bilancio annuale, con un -24% rispetto al 2019, è allo stesso modo pesante. Con l’UNRAE che per il nostro Paese non prevede un 2022 migliore anche a causa dell’attuale assenza di incentivi auto.

Ecco le dichiarazioni di Andrea Cardinali, il Direttore Generale dell’UNRAE

Per aiutare l’ambiente, anche rinnovando il parco circolante, e per sostenere consumatori e aziende nel passaggio alla nuova mobilità, sono necessari incentivi almeno triennali, eventualmente con importi a scalare, per le vetture fino a 60 g/Km di CO2‘. Questo è quanto non a caso, e tra l’altro, ha dichiarato per il mercato dell’auto italiano Andrea Cardinali che dell’UNRAE è il Direttore Generale.

Relevant news