Pagamento tasse partite Iva a rate mensili, allo studio la rivoluzione

Tasse sul lavoro nel 2023, ecco la novità vantaggiosa sui premi di produttività

In Italia, per quel che riguarda le modalità di pagamento delle tasse da parte dei titolari di partita Iva, potrebbe presto scattare una vera e propria rivoluzione. Una rivoluzione che, nel coinvolgere i lavoratori autonomi titolari di partita Iva, dovrebbe prevedere l’addio del versamento delle imposte a saldo per passare ad un meccanismo di versamento a rate mensili in accordo con quanto è stato riportato dal sito Internet tg24.sky.it.

Allo studio la rivoluzione fiscale per gli autonomi, ecco come

Nel dettaglio, con il pagamento delle tasse a rate mensili, per i lavoratori autonomi titolari di partita Iva, sarebbe archiviato e quindi mandato in tutto e per tutto in pensione il sistema del versamento delle imposte a saldo ed in acconto due volte l’anno. La rivoluzione, inoltre, potrebbe partire ancor prima del piano di riforma del Fisco che punta a mettere in atto per il futuro l’attuale Governo italiano che è guidato dal premier Mario Draghi.

Allo studio pure una revisione della flat tax al 15% per rendere meno brusca l’uscita

Il Governo italiano, inoltre, starebbe studiando modifiche pure a favore dei contribuenti in regime forfettario, con la flat tax al 15%, per fare in modo che l’uscita dalla tassa piatta sia più morbido nel momento in cui si supera la soglia dei 65.000 euro. Non a caso, tra le ipotesi che sono tornate in auge per le piccole partite Iva, c’è pure quella dell’innalzamento del tetto di fatturato a 100mila euro di ricavi con un forfait, e quindi una flat tax, pari al 20%. Questo, tra l’altro, permetterebbe nel tempo ad una piccola partita Iva a forfait di crescere di fatturato senza poi imbattersi bruscamente nella tassazione ordinaria.

Relevant news