Titoli ENI, via libera dal CdA a nuovo buyback e annullamento delle azioni proprie

Gas egiziano, accordo ENI-EGAS per aumento produzione e fornitura verso l'Europa

Al fine di creare valore per gli azionisti, il Consiglio di Amministrazione del colosso energetico ENI, riunitosi proprio oggi sotto la presidenza di Lucia Calvosa, ha deliberato non solo per proporre alla prossima Assemblea dei Soci l’avvio di un nuovo piano di buy-back, ma anche l’annullamento delle azioni proprie che sono state già acquistate nel corso del 2021.

Il CdA di ENI propone un nuovo piano di buyback da minimo 1,1 miliardi di euro

L’Assemblea degli Azionisti ENI è stata fissata ed è stata convocata, in sede ordinaria, in data 11 maggio del 2022. Con il CdA che, fino alla data del 30 aprile del 2023, proporrà un nuovo piano di buy-back per un esborso minimo che è pari a 1,1 miliardi di euro. E questo con la contestuale revoca del piano di acquisto di azioni proprie per la parte non ancora eseguita a seguito di delibera assembleare del 12 maggio del 2021.

Proposto pure l’annullamento di 34.106.871 titoli ENI acquisiti con il precedente piano di acquisto di azioni proprie

Il piano di buyback, che il Consiglio di Amministrazione di Eni proporrà all’Assemblea dei Soci per l’approvazione, potrà essere incrementato, rispetto ad un minimo di 1,1 miliardi di euro, in base ed in funzione dello scenario legato all’andamento del prezzo del petrolio. Con la valutazione che, in particolare, è fissata per i mesi di luglio e di ottobre. Inoltre, come sopra accennato, per il precedente piano di buyback il CdA di ENI proporrà all’Assemblea dei Soci l’annullamento di numero 34.106.871 azioni proprie già acquisite.

Relevant news