UniCredit sigla accordo sindacale tra uscite volontarie, stabilizzazioni e nuovi ingressi

UniCredit e Allianz in Croazia rafforzano la loro partnership

Il colosso bancario europeo UniCredit, in Italia, ha siglato un importante accordo sindacale. Lo ha fatto, in particolare, con le delegazioni di FABI, FIRST CISL, FISAC/CGIL, UILCA e UNISIN. Proprio in accordo con una nota che, sul proprio sito Internet, la società quotata in Borsa a Piazza Affari ha pubblicato nella giornata di ieri, giovedì 27 gennaio del 2021.

Accordo sindacale UniCredit-Sindacati, ecco tutti i dettagli

In particolare, l’accordo sindacale prevede da un lato 1.200 uscite volontarie da parte dei dipendenti di UniCredit. Ma anche 1.000 stabilizzazioni nel triennio 2022-2024, e ben  725 nuovi ingressi.

UniCredit nella nota, tra l’altro, ha sottolineato l’importanza dell’accordo sindacale raggiunto. In quanto questo, presso le filiali, favorirà non solo il ricambio generazionale. Ma andrà pure a rafforzare la formazione e lo sviluppo delle persone che lavorano in UniCredit.

UniCredit punta a sprigionare tutto il suo potenziale in Italia

Non a caso, con il piano UniCredit Unlocked, il colosso bancario punta a sprigionare tutto il suo potenziale in Italia. E nel farlo punta a mettere al centro i clienti ed i dipendenti anche attraverso dei processi di semplificazione. Nonché con investimenti nel settore digital & data.

Ecco le dichiarazioni dell’Amministratore Delegato di UniCredit Andrea Orcel

Sono molto soddisfatto per l’accordo raggiunto oggi e ringrazio le sigle sindacali per il confronto costruttivo e il loro significativo contributo al risultato ottenuto‘. Questo è quanto, tra l’altro, ha dichiarato l’Amministratore Delegato di UniCredit Andrea Orcel nel commentare l’accordo raggiunto con i Sindacati. Aggiungendo inoltre che ‘quest’accordo è una dimostrazione dell’approccio che abbiamo adottato in questi negoziati arrivando a un risultato positivo per i nostri dipendenti‘.

Relevant news