Cosa Sono le Azioni?

cosa sono le azioni

Un’azione è una quota di proprietà di una società, determinata dagli indici di mercato. In altre parole, se si acquistano 100 azioni di una società che ha emesso 100 milioni di azioni sul mercato, si finisce con il possedere un milionesimo di quella società. In altri termini ancora, si diventa proprietari di quell’azienda, pur con partecipazione minoritaria.

Chiarito quanto sopra, i prezzi delle azioni subiscono continue oscillazioni sulla base delle prospettive societarie. Senza scendere in troppi tecnicismi, e rimanendo pertanto in un alveo di superficialità, si può ben affermare che quando le persone ritengono che le prospettive di un’azienda siano rosee, vorranno aggiudicarsi le azioni e faranno dunque un’offerta per tali titoli, spingendo i prezzi verso l’alto. Se invece non gli piace la prospettiva aziendale, finiranno con il disfarsi delle azioni, con prezzi calanti.

Ad ogni modo, i prezzi delle azioni non costituiscono solamente un importante parametro di giudizio per gli quanto anche per tutti coloro che operano o hanno interessi nei confronti dell’azienda. Per esempio, giova rammentare che le società quotate in Borsa cercheranno di spingere i prezzi delle azioni verso l’alto perché ciò renderà più facile vendere i titoli di debito. Ancora, molti bonus degli amministratori societari sono spesso legati ai prezzi delle azioni.

Da Cosa dipendono i Prezzi delle Azioni? 

Fermo restando che il prezzo è un equilibrio tra le forze contrapposte tra domanda e offerta, come abbiamo visto non troppi giorni fa è il prezzo di mercato a riflettere la somma di ciò che ogni partecipante al mercato stesso sa, pensa, o “sente” nei confronti di quella determinata azione.

Guardando al valore di un’azione, se un prezzo in calo significa che i grandi detentori stanno vendendo. La regola essenziale in qualsiasi mercato è “E ‘OK per comprare a buon mercato, ma non OK per comprare giù”. Non comprare un’azione che tende a diminuire, anche se sembra un affare. Se ti piacciono i suoi fondamentali, utilizza l’analisi tecnica per confermare che la tendenza è in aumento. Warren Buffett, uno degli investitori di maggior successo in America, ama dire che quando si acquista un’azione, si diventa partner di un collega maniaco-depressivo che chiama Mr Market.

Ogni giorno Mr. Market corre su e si offre sia per comprarti fuori dal giro d’affari o per venderti la sua quota. La maggior parte del tempo si dovrebbe ignorarlo perché l’uomo è psicotico, ma di tanto in tanto Mr. Market diventa così terribilmente depresso che ti offre la sua quota per una canzone – ed è allora che si dovrebbe comprare. Altre volte diventa così maniacale che offre un prezzo folle per la vostra azione, ed è allora che dovreste vendere.

Questa idea è brillante nella sua semplicità, ma difficile da realizzare. Mr. Market ci spazza via la maggior parte di noi perché il suo umore è così contagioso. La maggior parte delle persone vogliono vendere quando Mr. Market è depresso e comprare quando è maniacale. Abbiamo bisogno di mantenere la nostra sanità mentale. Abbiamo bisogno di criteri oggettivi per decidere quanto alto è troppo alto e quanto basso è troppo basso. Buffett prende le sue decisioni sulla base di un’analisi fondamentale e di una sensazione di pancia fantastica. I commercianti possono utilizzare l’analisi tecnica.

Parlando di budella, questo è qualcosa che un investitore o un trader può sviluppare dopo anni di esperienza di successo. Quello che i principianti chiamano gut feel è di solito un impulso a giocare d’azzardo, e io dico loro che non hanno diritto ad una sensazione di budella. Quali azioni dovremmo negoziare? Ce ne sono più di 10.000 negli Stati Uniti, con un numero ancora maggiore all’estero. Peter Lynch, un money manager di grande successo, scrive che acquista solo azioni in società che sono così semplici che un bambino potrebbe gestirle, perché alla fine lo si farà. Ma Lynch è un investitore, non un trader. Le azioni di molte aziende con poco valore fondamentale possono imbarcarsi in fantastiche corse, facendo un mucchio di soldi per i trader rialzisti prima di crollare e fare altrettanto soldi per gli orsi.

Il mercato azionario offre una vasta gamma di scelte, anche dopo aver tagliato le azioni illiquide o piatte. Si apre un giornale d’affari, e le storie di raduni fantastici e discese mozzafiato ti saltano addosso dalle pagine. Si dovrebbe saltare sul carrozzone e le azioni commerciali nelle notizie? Si sono spostati troppo lontano dal cancello? Cosa sfruttano i futuri leader? Dovendo fare così tante scelte stressa i principianti. Si sono sparsi sottile, saltando tra i titoli invece di concentrarsi su pochi e imparare a scambiarli bene. I neofiti che non possono scambiare con fiducia un singolo titolo vanno alla ricerca di un software di scansione che permetta loro di per rintracciare migliaia di persone (come eToro).

Oltre alle azioni, è possibile scegliere tra i loro cugini bacianti, fondi comuni di investimento, chiamati unit trust in Europa. Gli investitori a lungo termine tendono a investire in fondi diversificati che detengono centinaia di azioni. Gli operatori tendono a concentrarsi su fondi settoriali che consentono loro di scambiare settori specifici dell’economia o interi paesi. Si sceglie un settore o paese preferito e si lascia la selezione dei singoli titoli ai presunti analisti che lavorano a quei fondi. Scegliere un’azione o un fondo vincente è molto più difficile che ascoltare i consigli di un parente o scansionare i titoli di un giornale. Un trader deve sviluppare una serie di parametri di ricerca fondamentali o tecnici, avere la disciplina per seguire il suo sistema e diffondere una rete di sicurezza di gestione del denaro sotto il suo conto. Senza dimenticarsi di sfruttare i segnali di trading per cogliere le opportunità di investimento migliori.

Relevant news