Investire sull’Acqua: Guida Completa, Esempi ed Opinioni

Investire sull'acqua

Quando si tratta di diversificare gli investimenti, bisogna prendere in considerazione qualunque tipologia di prodotto, azienda o materia prima. Forse ti potrà sembrare strano, specie se si ha la concezione dell’acqua come un bene pubblico, ma in realtà è possibile investire sull’acqua.

L’acqua è una risorsa naturale essenziale per la vita, la crescita della popolazione mondiale, il cambiamento del clima, ecc…Insomma, senza l’acqua sappiamo tutti che non ci sarebbe vita sulla terra. Per questo motivo investire in acqua può essere una buona idea.

Naturalmente, non è possibile investire sull’acqua come materia prima, ma si può investire sulle aziende che operano nel settore e che sono quotate in borsa.

Ma vediamo nel dettaglio come si può fare un investimento di questo tipo e come comprare azioni sull’acqua. Scopriamolo insieme!

Perché Investire sull’Acqua?

Oggi non tutti i paesi hanno una gestione pubblica delle aziende che distribuiscono l’acqua per privati e imprese. In diverse nazioni, sono molte le industrie private che gestiscono l’erogazione dell’acqua.

Anche le aziende private però devono attenersi a dei limiti alquanto rigidi, specie nell’ambito dei profitti che si possono ottenere dalla gestione dei sistemi idrici o dalla vendita dell’acqua. Questo viene fatto fissando un prezzo massimo per l’acquisto dell’acqua a metro cubo da parte dei consumatori.

Un’attività regolamentata, dunque, definisce un’industria i cui ricavi devono essere sorvegliati. Questo pone però un vantaggio. Le azioni delle aziende sull’acqua, essendo questo un bene essenziale, e grazie all’imposizione di vincoli specifici, hanno un andamento sul mercato più stabile rispetto a quelle di aziende private che operano in altri settori.

Le azioni sull’acqua in tutto il mondo sono un business da prendere in considerazione, specie se si considera la bassa volatilità sul titolo, e le possibilità di ottenere dei ritorni più bassi ma più sicuri. Le società per azioni che operano in altri settori invece, possono offrire un ritorno più alto ma anche rischi maggiori, se non sono all’interno di un mercato regolamentato.

Bisogna considerare anche che esistono comunque aziende private che operano nel settore dell’acqua ma che non sono regolamentate, in questo caso la linea di mercato segue l’andamento in borsa tipico di qualunque società per azioni, influenzata da vari fattori, che ne determinano il prezzo giornaliero.

investire sull'acqua genera denaro

Dunque, esistono due tipologie di aziende quotate in borsa nel settore dell’acqua:

  1. Le aziende regolamentate: offrono servizi di fornitura delle risorse idriche, del trattamento e della distribuzione dell’acqua potabile a privati.
  2. Società non regolamentate: questi operano in mercati per la fornitura di servizi tecnologici, attrezzature e assistenza per la gestione delle reti idriche.

Ma allora perché investire in azioni sull’acqua? Gli enti di utilità dei servizi idrici sono un business stabile e meno volatile rispetto ad altre aziende. La loro natura li rende idonei specie per coloro che vogliono fare un investimento a lungo termine.

Un altro vantaggio deriva dai dividendi. In questo caso, i fondi di investimento sull’acqua possono distribuire dividendi ottimali, per ciascuna azione, quindi a fine anno si hanno maggiori certezze sui rendimenti ai quali è possibile accedere.

Come si Verifica l’Andamento delle Azioni nelle Società dell’Acqua?

L’andamento delle azioni nelle società che distribuiscono acqua o che si occupano dei servizi tecnologici e meccanici dei sistemi di distribuzione, possono variare a seconda di diversi fattori.

Infatti, anche se all’interno di un mercato regolamentato in cui i profitti sono limitati dalle leggi nazionali, l’asset non ha un andamento statico o fermo, le azioni e le quotazioni delle società comunque variano a seconda di alcuni fattori determinanti. Tra i principali troviamo:

  • Quadro economico: un punto di riferimento molto importante è quello economico. I prezzi delle azioni dell’acqua possono essere influenzati, come per quelle di altre società, dai risultati economici dell’azienda. Questo avviene nel momento in cui gli azionisti verificano se la società ha agito in modo tale da aumentare i suoi profitti. Anche se gli introiti in un mercato regolamentato non possono vedere drastici cambiamenti, comunque questo fattore rimane importante al fine di determinare il valore delle azioni.
  • Quadro normativo: le azioni sull’acqua, come abbiamo visto, sono per lo più sottoposte ad un’attività regolamentata. Per questo motivo, uno dei fattori più determinanti per il valore delle azioni in borsa sull’acqua sono proprio quelli derivanti dalle scelte economiche del governo o dell’ente che regolamenta la vendita e distribuzione dell’acqua.
  • Tassi di interesse: per alcune imprese, l’investimento sull’acqua è considerato un bene di rifugio in borsa. Questo è dovuto al fatto che i rendimenti bassi stabiliti da questa industria, sono meno attraenti, ma anche più sicuri. Specie in alcuni momenti in cui ci sono delle destabilizzazioni a livello economico.
  • Nuove acquisizioni: infine, tra i fattori che possono portare a delle oscillazioni del prezzo delle azioni per le varie società quotate, ci sono eventuali acquisizioni o fusioni con altre aziende e società nel settore dell’acqua.

Come Investire in Borsa nell’Acqua?

Ci sono diverse possibilità per chi vuole investire sull’acqua. I mercati principali nei quali si può fare un investimento sono quello inglese, statunitense, europeo e asiatico.

Gli investimenti possono essere effettuati in due diverse modalità mediante ETF o con l’acquisto di azioni delle principali società quotate in borsa che operano nel settore dell’acqua.

Tra gli ETF che investono sull’acqua troviamo:

  • Gli ETF della PowerShares Global Water: in questo caso ha l’obiettivo di replicare le performance in termini di rendimento e di prezzo sul NASDAQ QMX Global Water Index. In quest’ambito si replica il prezzo delle maggiori aziende dell’acqua nel mondo.
  • Gli ETF iShares Global Water: in quest’ambito c’è un’ampia esposizione delle aziende che operano nel settore dell’acqua, e si ha la possibilità d’investire nelle 50 aziende principali a livello mondiale, che prevede sempre lo scopo di replica delle performance. Questo offre un investimento stabile e con rischi minori dovuti proprio alla diversificazione.
  • ETF Guggenheim S&P Global Water Index: in quest’ambito si replica l’indice della S&P Global Water Index, anche in questo campo si fornisce la possibilità di avere l’esposizione a 50 società mondiali legati al settore dell’acqua.

Le azioni dirette di un’azienda che opera nel settore dell’acqua invece possono essere acquistate seguendo quali sono le migliori, le più redditizie e quelle che offrono maggiori possibilità di guadagno. Vediamo insieme le principali azioni sull’acqua in Gran Bretagna e in Europa.

Quali sono le Principali Azioni sull’Acqua in Europa e Gran Bretagna?

fondi di investimento sicuri sull'acqua

In Europa e in Gran Bretagna è possibile trovare diverse società che operano in borsa e sulle quali investire, acquistando le loro azioni nel settore dell’acqua.

Tra le principali nel Regno Unito ci sono: la Severn Trent (SVT); la Pennon Group (PNN) e la United Utilities (UU).

Una delle aziende più piccole ma che offre una buona diversificazione sul mercato è la Pennon Group in Inghilterra. I suoi servizi prevedono: la gestione della rete fognaria e la fornitura idrica diretta per i consumatori. L’azienda offre un servizio per 1,7 milioni di privati e 160 mila imprese. Inoltre, la Pennon Group possiede anche un’azienda di riciclaggio dei rifiuti, che vengono utilizzati per la produzione di energia elettrica.

La Server Trent invece è l’azienda più grande tra quelle quotate in borsa nel Regno Unito. Questa serve all’incirca 4,5 milioni di privati. La società è molto conosciuta perché presenta fino al 2025 un prezzo tra i più bassi di tutta l’Inghilterra. La Server Trent offre una buona esposizione ai mercati e una buona stabilità per quanto riguarda l’andamento del titolo in borsa.

Infine, in Gran Bretagna troviamo la United Utilities che serve 200 milioni d’imprese e 3 milioni di abitanti. La società opera principalmente in Galles e in Cambria. Le sue azioni offrono una buona opportunità di investimento a coloro che scelgono di comprare azioni sul mercato inglese.

Anche in Europa non mancano le aziende sulle quali è possibile investire nel settore dell’acqua. Tra le società principali europee ci sono:

  • La KBS AG: questa è una società tedesca che offre servizi per l’industria dell’acqua, infatti costruisce valvole e pompe. Si occupa anche di altri settori comunque, come le società minerarie, chimiche ed elettriche. Vende molto in Europa, ma la società si muove anche in mercati esteri come quello statunitense, mediorientale e asiatico.
  • Veolia: una società francese che opera in tutto il mondo. Nel settore della fornitura d’acqua potabile sono 95 milioni le persone che usufruiscono del suo servizio idrico. La società opera anche per il trattamento dei rifiuti, in questo settore serve 63 milioni di persona. Veolia è una società che offre una buona diversificazione, e che presenta nel tempo una crescita abbastanza redditizia.
  • Thessaloniki Water Supply & Sewage: la società fornisce servizi fognari e idrici a circa 1,2 milioni di persone e opera principalmente in Grecia. La società si occupa anche di altri processi nel settore dell’acqua come: la dissalazione, il trattamento, il trasporto, la gestione di tutte le tipologie di liquami e di acqua.

Come Investire sull’Acqua in Italia?

In Italia è possibile investire sull’acqua con due differenti strumenti principali: l’acquisto di azioni in borsa e gli ETF.

Sicuramente, l’ETF è l’investimento più accessibile e conveniente nel settore dell’acqua. Questo strumento permette di accedere a dei fondi d’investimento ma attraverso dei negoziati, come fossero delle azioni. Tra quelli che sono quotati a Piazza Affari ce ne sono alcuni che hanno come mission l’investimento nel settore idrico, e che permettono d’investire in ETF anche in Italia, nonostante non sia diretto, ma che preveda più che altro l’accesso a partecipazioni in alcune società che operano all’interno del comparto.

Quindi con gli ETF non si acquistano direttamente le azioni di una società che opera nel settore, ma si fa un investimento più diversificato. Ma quali sono gli ETF acqua ai quali si può accedere in Italia? Tra i principali ci sono:

  1. Lyxor Global Water UCITS Euro: questo ETF è quotato in borsa in euro ed è accessibile anche direttamente da Piazza Affari. Questo titolo ETF azionario viene emesso dalla Multi Units France. Investendo in questi ETF è possibile ottenere commissioni su base annua pari allo 0,60% inoltre offre dei dividendi su base semestrale.
  2. Ishares Global Water in USD: in questo ETF si parla di quotazione in dollari. Questo è un ETF azionario indicizzato emesso dalla Ishares. Questo offre dei dividendi su una base semestrale e offre una commissione annua totale pari allo 0,65% in linea con gli azionari tematici nel settore degli ETF. Il dividendo s’aggira intorno agli 0,20 fino agli 0,25 dollari per ogni quota. Questo sistema d’investimento ETF ha un profilo di rischio pari a 5.

Per investire sull’acqua in Italia, si possono anche acquistare delle azioni direttamente in borsa su alcune società che operano nel settore.

Le migliori società nel settore dell’acqua su cui investire nel mondo

Ci sono diverse società che operano nel settore dell’acqua su cui si può investire nel mondo. Alcune delle migliori sono sicuramente quelle che hanno scelto di puntare a settori di mercato innovativi e sostenibili.

Tra queste ne segnaliamo due:

  • Xylem Inc: quotata al NYSE questa società offre degli ottimi punti di forza per chi vuole investire nell’acqua. In quest’ambito, nello specifico, la Xylem Inc offre un servizio tecnologico e innovativo per il trattare le acque reflue. Tra i punti di forza della società c’è anche la sua forte presenza in Cina, quindi ci sono prospettive di crescita nel corso degli anni a venire.
  • Pentair PLC: quotata anche questa al NYSE, la Pentair è una società che si occupa del filtraggio e della depurazione dell’acqua. Questa è molto impegnata anche nel servizio per l’irrigazione, l’acquacoltura e la desalinizzazione. Secondo quanto scritto dall’analista di Pictet Asset Management, nell’area di filtraggio è possibile imbattersi in un segmento di sviluppo chiave per i prossimi anni.

Come Investire sull’Acqua con il Trading Online?

etf che investono sull'acqua

Infine, per investire sull’acqua è possibile scegliere uno strumento maggiormente accessibile a tutti coloro che vogliono operare in questo settore senza acquistare delle azioni, e senza il bisogno di entrare nel campo degli investimenti in ETF. Il metodo alternativo al quale si può investire sull’acqua e sulle aziende del settore è: il trading online.

Il trading online in CFD prevede tra i vari asset di investimento quelli dedicati anche alle azioni di aziende sull’acqua. Tra le varie materie prime c’è anche l’acqua. Non tutti i broker online offrono però la possibilità di fare trading in CFD. Tra i principali e legali nel nostro paese, ci sentiamo di segnalare due broker autorizzati CONSOB: XTB (qui la recensione XTB) e BDSwiss (qui la recensione BDSwiss).

Entrambi sono regolamentati e sicuri, e si possono utilizzare per fare trading online in Italia. Inoltre, su entrambe le piattaforme di trading che abbiamo segnalato è possibile trovare innumerevoli asset d’investimento, tra i quali quelli dedicati alle aziende che operano sul mercato dell’acqua.

Relevant news